Skip to main content

Clicca un logo e scopri l'arte della nutrizione.

Dott. Lattuada Nutrizionista

Dott. Lattuada Centro Dimagrimento

Dott. Lattuada Blog

Non mancare!


Newsletter

Quanto incide l’ORARIO DEI PASTI sull’equilibrio del SONNO?

Quanto incide l’ORARIO DEI PASTI sull’equilibrio del SONNO?
Pubblicato il:
26 Luglio 2021

Il sonno è un processo del tutto fisiologico che si contrappone alla veglia, si origina dall’interazione di vari centri del sistema nervoso centrale e autonomo e contribuisce a sostenere la normale qualità della vita e il benessere.
Il sonno deve essere riposante e garantire al nostro organismo il recupero dalle fatiche della giornata, sia a livello fisico che mentale, per prepararci in maniera adeguata ad affrontare quella successiva.

Durante il sonno, al contrario della veglia, si forma una barriera percettiva tra il mondo esterno e mondo cosciente che può essere superata solo da una perturbazione o stimolo esterno di adeguata intensità.
Spesso la durata e qualità del sonno può essere perturbata anche da disturbi veri e propri che compromettono il normale riposo, ma anche le attività fisiologiche causando in primo luogo stanchezza cronica, diminuzione dell’attenzione e della concentrazione e irritabilità.
Le cause di questi disturbi possono essere di varia origine, psicologica (ansia, depressione, distrubi dell’umore), patologica (disturbi alla tiroide, ipertensione, scompensi cardiaci) o legata all’assunzione di sostanze stimolanti (caffeina, nicotina, alcol, farmaci).

Non sempre però si associano i disturbi del sonno al tipo di alimentazione che una persona segue. Oltre alla tipologia di cibi, è molto importante valutare gli orari dei pasti in funzione di un buon riposo.
L’ideale sarebbe dormire 8 ore a notte, andando a dormire almeno due ore dopo l’ultimo pasto. Da qui, in base all’orario della sveglia del mattino seguente, si può calcolare l’orario ideale per cenare e andare a dormire.

Per garantire un buon riposo ci dobbiamo ricordare anche semplici accorgimenti alimentari per favorire l’equilibrio del sonno:

  • A cena, non demonizzare i carboidrati!
    Durante la digestione dei carboidrati, infatti, si formano le esorfine, dei peptidi oppioidi. Questi sono analoghi alle endorfine, e, se assorbiti tali e quali, si potrebbero legare ai recettori oppiodi del cervello.
  • Non abbondare a cena. Dopo pasti abbondanti, avviene il fenomeno della congestione gastrointestinale. Gli organi digestivi richiedono grandi quantità di ossigeno, ottenuto riducendo il flusso di sangue in altri distretti a favore di quello digestivo. Questo causa sonnolenza ma, mettersi a letto poco dopo un pasto importante, potrebbe causare problemi digestivi.
  • Evitare a cena i cibi speziati e irritanti: questi possono favorire reflusso gastroesofageo, soprattutto prima di assumere una posizione prona.
  • Prima di dormire, prediligere alimenti facili da digerire, soprattutto se si andrà a letto prima delle due ore dalla cena e alimenti ricchi in triptofano. Via quindi a mandorle, uova, pollo, tonno, ceci e lenticchie.
  • Evitare il consumo di alimenti stimolanti come caffeina, alcol, cioccolato.

Per dormire bene è opportuno avere anche le giuste energie durante la giornata. Per questo, oltre all’importanza data all’ultimo pasto, è opportuno garantire durante tutto il giorno, un buon apporto di nutrienti. Alimenti energetici durante la giornata e cibi “rilassanti” a cena sono la ricetta per un buon riposo.



Ti Potrebbe Interessare Anche…

Spero ti piaccia l’articolo!
Se vuoi una dieta personalizzata Clicca Qui


Altre Categorie, per Te



Un Mondo da Scoprire

Diete personalizzate, programmi dimagranti in hotel. Clicca un logo e scopri l’arte della nutrizione.

Dott. Lattuada Nutrizionista

Dott. Lattuada Centro Dimagrimento