Clicca un logo

Dott. Lattuada Nutrizionista

Dott. Lattuada Centro Dimagrimento

Dott. Lattuada Linea Benessere

Non mancare!


Newsletter

  • Home
  • Alzheimer
  • L’olio di cocco: 13 benefici dimostrati e modalità di utilizzo

L’olio di cocco: 13 benefici dimostrati e modalità di utilizzo

L’olio di cocco è protagonista di oltre 1500 studi scientifici che, ad oggi, dimostrano le sue molte proprietà. Eccellente per uso esterno, ad esempio per la cura di pelle e capelli, l’olio di cocco è straordinario anche per uso orale grazie alla sua composizione nutrizionale.

L’utilizzo dell’olio di cocco nei paesi tropicali e nel sud-est asiatico è una tradizione secolare, tuttavia la sua riscoperta e gli ultimi studi e ricerche scientifiche hanno reso la sua diffusione mondiale. Nei supermercati e negozi salutistici di Stati Uniti, Canada, Europa e Australia si può trovare facilmente questo prodotto, la cui fama è sempre crescente.

Test intolleranze col nutrizionista

L’olio di cocco e gli acidi grassi a catena media

La confusione provocata dalla comune convinzione che “i grassi fanno male”, ci ha allontanati da una verità importante. Siamo infatti vittime di una grande operazione di marketing avvenuta negli ultimi decenni, che ha voluto favorire i cibi spazzatura ricchi di zucchero bianco, sale raffinato e farina bianca, a scapito dell’alimentazione dei nostri antenati, ricca di grassi sani come olio di oliva, frutta secca, burro chiarificato e Omega 3. Le malattie cardiovascolari sono, in questo modo, aumentate esponenzialmente.

Uno studio del 2016 pubblicato nel British Medical Journal ha osservato gli effetti di una riduzione dei grassi saturi nella dieta, sostituiti da olio di semi (come girasole, mais, soia) e margarina, ormai onnipresente nei cibi confezionati. I risultati dimostrano che questi soggetti corrono un rischio più elevato di contrarre malattie coronariche.

I benefici dell’olio di cocco risiedono proprio nel tipo di acidi grassi in esso contenuto, detti a catena media (MCFA). Questi grassi unici, che costituiscono almeno il 62% dell’olio di cocco, includono:

  • Acido caprilico
  • Acido laurico
  • Acido caprico

L’acido laurico e l’acido caprico costituiscono circa il 20% degli acidi grassi saturi presenti nel latte materno. Hanno notevoli proprietà di supporto del sistema immunitario. Sono la difesa principale per il neonato contro virus, protozoi e batteri (come la Chlamydia).

soggiorni dimagranti in hotel con spa!

I grassi che consumiamo abitualmente, come l’olio di semi, richiedono tempi molto lunghi per essere metabolizzati, a differenza dei MCFA contenuti nell’olio di cocco che forniscono una fonte di energia perfetta: essi, infatti, necessitano di un processo di sole 3 fasi per essere convertiti in combustibile, rispetto agli altri grassi che richiedono per 26 fasi.

13 benefici dell’olio di cocco

1) Grassi benefici. Grazie ai suoi preziosi grassi saturi, l’olio di cocco è una buona fonte di grassi benefici. Gli studi dimostrano che solo due cucchiai (30 ml) al giorno di olio di cocco, in entrambi i sessi, è in grado di ridurre l’adipe della pancia. [i] [i-bis]

2) Alzheimer. Un famoso studio pubblicato nel 2006 dalla rivista Neurobiology of Aging ha dimostrato che l’assunzione di trigliceridi a catena media (la cui fonte più abbondante è proprio l’olio di cocco) in 20 soggetti affetti da Alzheimer o decadimento cognitivo lieve, ha determinato un aumento significativo dei corpi chetonici (a soli 90 minuti dal trattamento) e un miglioramento cognitivo. [ii] [ii-bis] La digestione degli acidi grassi a catena media nel fegato crea chetoni facilmente assimilabili dal cervello. I chetoni hanno il potere di fornire energia al cervello, senza la necessità dell’insulina di trasformare il glucosio in energia. Da recenti studi è emerso che il cervello produce una propria insulina, per il trattamento del glucosio che rifornisce le cellule cerebrali. Nei pazienti affetti da Alzheimer la produzione di insulina è compromessa, ed è per questo che i chetoni dell’olio di cocco rappresentano una validissima fonte di energia alternativa, capace di riparare le funzioni del cervello.

3) Guarigione delle ferite. Uno degli utilizzi più antichi della noce di cocco è dedicato alla cicatrizzazione delle ferite. Il suo potere curativo risiede nella capacità di accelerare la guarigione, migliorare l’attività degli enzimi antiossidanti e stimolare maggiore afflusso di collagene all’interno del tessuto danneggiato.

4) Testosterone. L’olio di cocco ha ridotto lo stress ossidativo nei testicoli dei ratti testati, con un significativo aumento dei livelli di testosterone.

perdere peso con la dieta del nutrizionista

5) Prostata. Inibisce in modo efficace l’enzima 5 alfa reduttasi che trasforma il testosterone in DHT (diidrotestosterone), quindi l’olio di cocco può rivelarsi utile per contrastare le affezioni legate agli androgeni. [ix]

6) Menopausa e ormoni. L’olio di cocco è utile per bilanciare naturalmente gli ormoni, essendo un’ottima fonte di acidi grassi sani responsabili della produzione degli ormoni stessi. Studi dimostrano che l’olio di cocco è un valido supporto nella menopausa, e può avere effetti positivi sui livelli di estrogeni. [x]

7) Assorbimento delle vitamine e dei nutrienti liposolubili. Le vitamine A, D, E e K sono fondamentali per l’essere umano e necessitano di un ambiente adeguato per essere assorbite. L’olio di cocco agevola la corretta assimilazione delle vitamine e migliora quindi la salute di ossa, denti, capelli, pelle, umore e sistema immunitario. [xi]

8) Ossa. È stato dimostrato che l’olio di cocco riduce lo stress ossidativo all’interno dell’osso e potrebbe, quindi, impedire danni strutturali nell’osso osteoporotico [xii]. Un altro effetto dell’olio di cocco è aumentare l’assorbimento di calcio nell’intestino. Una ricerca condotta sull’osteoporosi ha scoperto che l’olio di cocco non solo aumenta il volume e la struttura dell’osso nei soggetti, ma ha anche ridotto la perdita di ossa dovuta all’osteoporosi. [xii-bis]

9) Cuore. Studi dimostrano che l’olio di cocco è in grado di aumentare il colesterolo buono HDL, diminuire l’eccesso di peso e ridurre la pancia nei pazienti affetti da problemi cardiovascolari, fattori che contribuiscono a proteggere il cuore. [xiii]

dieta genetica del dna con il nutrizionista

Come utilizzare l’olio di cocco

Non crediamo che l’olio di cocco possa risolvere ogni male, tuttavia è indubbio che i suoi benefici sono dimostrati da troppi studi, per non restarne colpiti. Per ottenere buoni effetti salutistici, sono consigliati 2-3 cucchiai al giorno da assumere direttamente da cucchiaio, o miscelato in frullati o succhi freschi di frutta e verdura. Si può utilizzare anche per dolcificare tè, caffè e tisane.

È consigliato iniziare con una piccola quantità e aumentare gradualmente, per abituare la flora batterica al nuovo alimento. Se si è affetti da candida o disbiosi intestinale, si potrebbero notare delle reazioni durante il consumo.

Il sapore dell’olio di cocco è intenso e non tutti lo gradiscono. Consigliamo due modalità per renderlo più gustoso e appetibile:

  •  Provalo nei frullati e nei succhi freschi di frutta e verdura
  •  Miscelalo nella ricetta del latte d’oro

L’olio di cocco è una risorsa importante per la nostra salute, non sottovalutarlo nella tua dieta!

 

Riferimenti

[i] Monica L Assunção, Haroldo S Ferreira, Aldenir F dos Santos, Cyro R Cabral, Telma M M T Florêncio; Dietary coconut oil elevates HDL and reduces abdominal obesity in women; Lipids. 2009 Jul;44(7):593-601. Epub 2009 May 13. PMID: 19437058

[i-bis] Kai Ming Liau, Yeong Yeh Lee, Chee Keong Chen, Aida Hanum G Rasool; Virgin coconut oil is safe and effective in reducing visceral adiposity in obese, though healthy, men; ISRN Pharmacol. 2011 ;2011:949686. Epub 2011 Mar 15. PMID: 22164340

[ii] Mark A Reger, Samuel T Henderson, Cathy Hale, Brenna Cholerton, Laura D Baker, G S Watson, Karen Hyde, Darla Chapman, Suzanne Craft . Effects of beta-hydroxybutyrate on cognition in memory-impaired adults. Neurobiol Aging. 2004 Mar;25(3):311-4. PMID:15123336

[ii-bis] Steven Douglas Maynard, Jeff Gelblum; Caprylic triglyceride improve certain cases of mild-to-moderate Alzheimer’s disease;

[iii] Kim Sooi Law, Nizuwan Azman, Eshaifol Azam Omar, Muhammad Yusri Musa, Narazah Mohd Yusoff, Siti Amrah Sulaiman, Nik Hazlina Nik Hussain; Virgin coconut oil consumption reduced the side effects of chemotherapy; Lipids Health Dis. 2014 ;13:139. Epub 2014 Aug 27. PMID: 25163649

[iv] K G Nevin, T Rajamohan . Effect of topical application of virgin coconut oil on skincomponents and antioxidant status during dermal wound healing in young rats. Skin Pharmacol Physiol. 2010 ;23(6):290-7. Epub 2010 Jun 3. PMID: 20523108

[v] S Intahphuak, P Khonsung, A Panthong. Anti-inflammatory, analgesic, and antipyretic activities of virgin coconut oil. Pharm Biol. 2010 Feb;48(2):151-7. PMID: 20645831

[vi] R O Nneli, O A Woyike. Antiulcerogenic effects of coconut (Cocos nucifera) extract in rats. Phytother Res. 2008 Jul;22(7):970-2. PMID: 18521965

[vii] D O Ogbolu, A A Oni, O A Daini, A P Oloko. In vitro antimicrobial properties of coconut oil on Candida species in Ibadan, Nigeria. J Med Food. 2007 Jun;10(2):384-7. PMID:17651080

[viii] Graciela E Hurtado de Catalfo, María J T de Alaniz, Carlos A Marra. Dietary lipids modify redox homeostasis and steroidogenic status in rat testis. Phytother Res. 2010 Feb;24(2):163-8. PMID: 18549927

[ix] Lourdes Arruzazabala M1, Molina V, Más R, Carbajal D, Marrero D, González V, Rodríguez E.; Effects of coconut oil on testosterone-induced prostatic hyperplasia in Sprague-Dawley rats.; J Pharm Pharmacol. 2007 Jul;59(7):995-9. PMID: 17637195

[x] Alan B. Feranil et al. Coconut oil predicts a beneficial lipid profile in pre-menopausal women in the Philippines. Asia Pac J Clin Nutr. Author manuscript; available in PMC 2012 Jan 1.

[xi] Lauren E Conlon, Ryan D King, Nancy E Moran, John W Erdman. Coconut Oil Enhances Tomato Carotenoid Tissue Accumulation Compared to Safflower Oil in the Mongolian Gerbil (Meriones unguiculatus). J Agric Food Chem. 2012 Aug 7. Epub 2012 Aug 7. PMID:22866697

[xii] Mouna Abdelrahman Abujazia, Norliza Muhammad, Ahmad Nazrun Shuid, Ima Nirwana Soelaiman. The Effects of Virgin Coconut Oil on Bone Oxidative Status in Ovariectomised Rat. Evid Based Complement Alternat Med. 2012 ;2012:525079. Epub 2012 Aug 15. PMID:22927879

[xii-bis] Hayatullina Z et al. Virgin coconut oil supplementation prevents bone loss in osteoporosis rat model. Evid Based Complement Alternat Med. 2012;2012:237236. Epub 2012 Sep 16.

[xiii] Cardoso DA et al.A COCONUT EXTRA VIRGIN OIL-RICH DIET INCREASES HDL CHOLESTEROL AND DECREASES WAIST CIRCUMFERENCE AND BODY MASS IN CORONARY ARTERY DISEASE PATIENTS..; Nutr Hosp. 2015 Nov 1;32(5):2144-52. doi: 10.3305/nh.2015.32.5.9642.

Test intolleranze col nutrizionista
Soggiorni dimagranti a 5 stelle!

Consigli per dimagrire, mangiare sano, e molto altro.

Dott. Luca Lattuada Biologo Nutrizionista
Dott. Lattuada Centro di Nutrizione S.r.l.
Via Corfù 62Brescia (BS) 25124 ITALY |
P.IVA: 03993730989
+39 345-3161093 |
dottlattuada.it |
Privacy Policy | Cookie Policy
Le informazioni fornite su questo sito sono solamente a scopo cognitivo e non sono intese a sostituire raccomandazioni mediche o trattamenti di cura per certe condizioni di salute. Consultate sempre il vostro medico o altri operatori sanitari qualificati, ponendo domande riguardo la vostra situazione. Le informazioni su questo sito non sono destinate a diagnosticare, trattare, curare o prevenire nessun tipo di malattia. Non trascurate mai consigli medici, o non ritardatene l'attenzione, per il solo motivo di aver letto informazioni a riguardo sul sito di Dott. Lattuada. Il nostro scopo non è in alcun modo quello di fornire diagnosi o informazioni a carattere terapeutico. I nostri contenuti non vogliono assolutamente sostituire pareri medici, ma riprendono studi e letteratura scientifica accertati.

pur sang logo

Questo è un sito Pur Sang Advertising
Qualità nella tua Comunicazione