Skip to main content

Clicca un logo e scopri l'arte della nutrizione.

Dott. Lattuada Nutrizionista

Dott. Lattuada Centro Dimagrimento

Dott. Lattuada Blog

Non mancare!


Newsletter

Avviciniamoci alle pratiche ayurvediche utilizzando la curcuma, definita “oro giallo”

Avviciniamoci alle pratiche ayurvediche utilizzando la curcuma, definita “oro giallo”
Pubblicato il:
3 Giugno 2024

L’Ayurveda è un sistema di medicina tradizionale originario dell’India, con radici che risalgono a più di 5.000 anni fa. Il termine “Ayurveda” deriva dalle parole sanscrite “Ayur” (vita) e “Veda” (conoscenza), traducibile come “scienza della vita”. Le pratiche ayurvediche si basano sull’equilibrio tra corpo, mente e spirito per promuovere la salute e il benessere.

L’Ayurveda identifica tre dosha o energie fondamentali che governano tutte le funzioni biologiche:

  • Vata: Associato all’aria e allo spazio, regola il movimento, inclusi la circolazione e la respirazione.
  • Pitta: Associato al fuoco e all’acqua, regola il metabolismo, la digestione e la temperatura corporea.
  • Kapha: Associato alla terra e all’acqua, regola la struttura, la lubrificazione e la coesione.

La salute è vita come uno stato di equilibrio fra i tre dosha, mentre la malattia deriva da un loro squilibrio.

Tra le pratiche ayurvediche più note c’è sicuramente quella riguardante l’alimentazione personalizzata, gli alimenti vengono scelti in base al dosha predominante della persona per mantenere l’equilibrio, generalmente si preferiscono cibi freschi e naturali evitando quelli lavorati e artificiali1.
Tra le piante medicinali che vengono utilizzate nelle pratiche ayurvediche troviamo erbe come la curcuma, l’ashwagandha, il triphala e altre. In genere le erbe vengono somministrate sotto forma di polveri, decotti o oli.

Fra queste piante la più nota è la curcuma (Curcuma longa) una pianta erbacea perenne della famiglia delle Zingiberaceae, originaria dell’Asia meridionale. È ampiamente utilizzata nella medicina ayurvedica, così come nella cucina e nella medicina tradizionale di molte culture asiatiche. La curcuma è spesso chiamata “oro giallo” per il suo colore brillante e le sue numerose proprietà benefiche.

Gli usi della curcuma possono essere di varia natura:

  • Uso culinario: la curcuma può essere utilizzata come spezia ed è un ingrediente fondamentale nel curry e in molti piatti asiatici. Conferisce un colore giallo intenso e un sapore leggermente amaro e pepato.
  • Colorante alimentare: Utilizzata per colorare alimenti come senape, burro e formaggi.
  • Uso medicinale: la curcuma contiene la curcumina molecola attiva che conferisce il classico colore giallo, mostra proprietà antinfiammatorie e antiossidanti che aiuta a neutralizzare i radicali liberi e a proteggere le cellule dai danni2,3.
  • Uso cosmetico: vengono preparate a base di curcuma maschere per il viso, scrub per la pelle e può aiutare a ridurre l’acne e migliorare la luminosità.
  • Supporto digestivo: La curcuma stimola la produzione di bile, migliorando la digestione e alleviando i disturbi digestivi come il gonfiore.

La componente attiva risulta essere quindi la curcumina, dobbiamo però ricordare che questa molecola mostra una ridotta biodisponibilità quindi molto spesso viene associata con grassi o pepe nero (che contiene piperina) per migliorarne l’assorbimento.

Le principali modalità di consumo sono:

  • Integratori: Disponibili in forma di capsule o compresse, spesso combinati con pepe nero per migliorare l’assorbimento della curcumina.
  • Bevande: Latte dorato (golden milk), una bevanda a base di latte (o latte vegetale), curcuma, pepe nero e altre spezie.
  • : Infuso di curcuma, spesso combinato con zenzero e miele.
  • Alimenti: Aggiunta a piatti, zuppe, stufati e salse.

Ci sono però delle precauzioni da prendere quando si assume curcuma, si possono infatti verificare fenomeni di interazioni farmacologiche, ad esempio con farmaci anticoagulanti e antinfiammatori, quindi è importante consultare un medico prima di iniziare un regime a base di curcuma.

 

Bibliografia:

1) Lad, V. (2002). Textbook of Ayurveda: Fundamental Principles. Ayurvedic Press.
2) Urošević, M.; Nikolić, L.; Gajić, I.; Nikolić, V.; Dinić, A.; Miljković, V. Curcumin: Biological Activities and Modern Pharmaceutical Forms. Antibiotics 2022, 11 (2), 135. https://doi.org/10.3390/antibiotics11020135.
3) Aggarwal, B. B., & Harikumar, K. B. (2009). Potential therapeutic effects of curcumin, the anti-inflammatory agent, against neurodegenerative, cardiovascular, pulmonary, metabolic, autoimmune and neoplastic diseases. International Journal of Biochemistry & Cell Biology, 41(1), 40-59. doi:10.1016/j.biocel.2008.06.010.



Ti Potrebbe Interessare Anche…

Spero ti piaccia l’articolo!
Se vuoi una dieta personalizzata Clicca Qui


Altre Categorie, per Te



Un Mondo da Scoprire

Diete personalizzate, programmi dimagranti in hotel. Clicca un logo e scopri l’arte della nutrizione.

Dott. Lattuada Nutrizionista

Dott. Lattuada Centro Dimagrimento