Clicca un logo

Dott. Lattuada Nutrizionista

Dott. Lattuada Centro Dimagrimento

Dott. Lattuada Linea Benessere

Non mancare!


Newsletter

I bambini e l’eccesso di zuccheri. Perché è pericoloso e sedimenta abitudini scorrette?

Come genitore, può essere allettante offrire ai bambini caramelle o altre prelibatezze zuccherate come ricompensa o incentivo. Tuttavia, mentre i bambini apprezzano sicuramente i dolci, la verità è che troppo zucchero può avere un impatto negativo sulla salute.

Secondo una ricerca del Bambin Gesù di Roma l’abuso di alimenti di origine industriale, ricchi di zucchero, danneggia le cellule del fegato. Ricerche recenti su un campione di pazienti adolescenti, ha mostrato come alti livelli di acido urico erano associati a danni al fegato, soprattutto se associate ad un consumo eccessivo di fruttosio. Basti pensare che il campione dei pazienti utilizzati nello studio, assumeva in media 38 mg/die di fruttosio e il limite massimo giornaliero di zuccheri aggiunti, secondo l’American Hearth Association è consigliato essere pari a zero per bambini sotto i due anni, e pari a 25 mg/die per bambini tra i 2 e i 18 anni. Queste concentrazioni di fruttosio, anche se non molto al di sopra del valore consigliato hanno portato ad un aumento delle concentrazioni sieriche di acido urico. Questo acido, è infatti, il prodotto finale della sintesi del fruttosio, che avviene nel fegato. Quando l’acido urico prodotto è molto elevato, e l’organismo non riesce a smaltirlo, nell’organismo si genera uno stress ossidativo, le cellule non rispondono più allo stimolo dell’insulina e si innescano processi infiammatori delle cellule epatiche. Queste reazioni dell’organismo sono alla base dell’insorgenza del diabete di tipo 2 (dove la risposta del corpo all’insulina non è regolata), della steatosi epatica, e a lungo tempo favoriscono la precoce comparsa di fibrosi prima e cirrosi poi a carico del fegato riscontrata nella maggior parte dei pazienti oggetto di studio.

soggiorni dimagranti in hotel con spa!

Oltre agli effetti sul fegato, lo zucchero ha azione anche sul cervello, attivando il centro della ricompensa. Gli zuccheri attivano le papille gustative presenti sulla lingua, esattamente come ogni altro alimento, ma subito dopo il segnale è inviato in una parte del cervello particolare: quella imputata alla ricompensa. In questo modo si attiva la produzione di una serie di ormoni associati alla sensazione di benessere, uno fra tutti la dopamina, che innesca un meccanismo a cascata di perdita di controllo sull’ingestione di zucchero portando la persona a continuare a cercare e ricercare ancora l’ennesima dose, di zucchero ovviamente.
Inoltre, alti livelli di zucchero, in particolare di fruttosio, come abbiamo visto, amplificano la risposta allo stress, in particolare durante i periodi di sviluppo del cervello. Ciò significa che i bambini o gli adolescenti che vivono una situazione stressante come sostenere un esame o affrontare un problema di amicizia, avranno più problemi a far fronte a tale situazione se hanno consumato molto zucchero, perché più stressati.

Nel corso del tempo, gli studi hanno anche dimostrano che troppo zucchero rimpicciolisce letteralmente il cervello. Gli studi sui bambini mostrano che coloro che mangiano e bevono molto zucchero hanno punteggi più bassi nei test standardizzati. Non ci sono dati sufficienti in questo momento per collegare lo zucchero come causa dell’ADHD, ma ci sono dati che mostrano che l’assunzione di zucchero in eccesso può esacerbare l’iperattività associata all’ADHD. I bambini sono più suscettibili a rapidi picchi e cali di zucchero nel sangue che possono causare picchi e cali di umore, queste rapide variazioni di concentrazioni della glicemia possono portare a cambiamenti di umore e persino a depressione.

L’eccesso di zucchero può portare all’obesità, mettendo un bambino a rischio di sviluppare ipertensione, e sviluppare livelli elevati di colesterolo oltre che di diabete. Sovrappeso e obesità sono anche associati a problemi alle ossa e alle articolazioni e ad alcune forme di cancro.

Oltre alla prevenzione a lungo termine del diabete e delle malattie cardiache, evitare gli zuccheri aggiunti può evitare che i bambini debbano sottoporsi a cure dentistiche dolorose e costose. La carie dentaria è esacerbata dal consumo regolare di cibi e bevande zuccherati, inoltre, se non trattati, i problemi dentali possono portare a infezioni gravi (anche quando sono solo denti da latte).

Test intolleranze col nutrizionista

Lo zucchero quindi, nonostante sia l’alimento più richiesto dai piccoli, deve essere somministrato con molta attenzione.

Puoi trovare il nutrizionista a brescia, como, milano o verona!
Soggiorni dimagranti a 5 stelle!

Consigli per dimagrire, mangiare sano, e molto altro.

Dott. Lattuada Centro di Nutrizione S.r.l.
Via vicinale Margherita 42Napoli (NA) 80131 ITALY |
P.IVA: 03993730989
+39 345 9693919 |
dottlattuada.it |
Privacy Policy | Cookie Policy
Le informazioni fornite su questo sito sono solamente a scopo cognitivo e non sono intese a sostituire raccomandazioni mediche o trattamenti di cura per certe condizioni di salute. Consultate sempre il vostro medico o altri operatori sanitari qualificati, ponendo domande riguardo la vostra situazione. Le informazioni su questo sito non sono destinate a diagnosticare, trattare, curare o prevenire nessun tipo di malattia. Non trascurate mai consigli medici, o non ritardatene l'attenzione, per il solo motivo di aver letto informazioni a riguardo sul sito di Dott. Lattuada. Il nostro scopo non è in alcun modo quello di fornire diagnosi o informazioni a carattere terapeutico. I nostri contenuti non vogliono assolutamente sostituire pareri medici, ma riprendono studi e letteratura scientifica accertati.

pur sang logo

Questo è un sito Pur Sang Advertising
Qualità nella tua Comunicazione